logo entertainment
entertainment
novembre 17, 2020 - Centro Pecci

PecciON: il cinema e gli eventi ONline della settimana dal 16 al 22 novembre 2020

Thomas Hirschhorn

WE ARE STILL ALIVE.

Dopo Third eye – Il terzo occhio di MP5, questa settimana la bandiera d'artista di EXTRA FLAGS ha la firma di Thomas Hirschhorn (1957, Berna, Svizzera). Vive e lavora a Parigi, presente nella collezione del #centropecci con l'opera Break-Through.

Thomas Hirschhorn porta avanti una ricerca articolata, che vede l'arte come riflesso della complessità del mondo e allo stesso tempo un mezzo per intervenirvi. Combinando immagini, video, testi e oggetti desunti dalla vita quotidiana, l'artista dà corpo ad opere che spingono lo spettatore a interrogarsi su concetti quali ingiustizia, potere e responsabilità morale, a prendere coscienza dell'urgenza e della necessità espressiva del presente.

«Il proposito di WE ARE STILL ALIVE. è di resistere, di aver fede, di portare avanti il proprio lavoro in tutte le circostanze. WE ARE STILL ALIVE. è allo stesso tempo un'affermazione e un incoraggiamento. Il proposito di WE ARE STILL ALIVE. è di non mollare mai, di non sentirsi mai indeboliti, mai piegati – pur affrontando le più dure opposizioni. WE ARE STILL ALIVE. riguarda il noi, si tratta infatti di avere una missione comune, si tratta di restare vivi, rimanere vivi per qualcosa - qui di fronte al museo - per rappresentare l'arte, per compiere una missione, la missione dell'arte, la missione di FARE #arte, di ESPORRE #arte, di DISCUTERE l'arte. È il museo-istituzione che indirizza le parole "SIAMO ANCORA VIVI" al passante, a chi mai vedrà questa bandiera, al mondo intero. WE ARE STILL ALIVE. è rivolto all'altro e significa anche: non sei solo. Noi, le persone che amano l'ARTE, siamo vivi, stiamo in piedi, stiamo lavorando, stiamo combattendo, continuiamo a credere - puoi contare su di noi!».

Segui la programmazione #PecciON su www.centropecci.it

#WEBTV

Flavio Favelli / ArtistTalk Archive 17.11.2020

Alla library della WebTv si aggiunge il dialogo tra Flavio Favelli e la direttrice Cristiana Perrella, tenutosi al #centropecci il 17 settembre 2020. Alla ricerca artistica di Flavio Favelli (Firenze, 1957) il #centropecci ha dedicato una personale nel 2005, mentre recentemente ha preso parte a #centropecci Extra, il format che durante il periodo del lockdown ha visto sventolare ogni settimana una nuova bandiera d'artista sul pennone esterno del museo

Partendo dalle ultime opere realizzate la conversazione articola un percorso nel lavoro dell'artista tra rimandi al passato, impegno civile e consapevolezza del ruolo di chi fa #arte.

Guarda il talk: #centropecci.it/flaviofavelli

#PECCISCHOOL

Pecci School. L'arte di un mondo che cambia (1989–2001)bciclo di incontri sull'arte contemporanea

11.11-16.12.2020

Nel 1993 la direttrice Ida Panicelli presenta la mostra Inside Out. Museo, città, eventi, in un momento epocale in cui l'arte indaga il proprio ruolo e supera le barriere fra luoghi, linguaggi e ambiti disciplinari.

Tra gli artisti presenti nella mostra ricordiamo: Giulio Paolini che riflette sulla relazione tra l'opera d'arte e la sua esposizione come messa in scena (Teatro dell'opera, 1993); Barbara Kruger che interviene nel tessuto urbano richiamando l'attenzione dei passanti (Untitled, Prato, 1993) e Fabio Mauri che ricostruisce "un'azione a base ideologica" fissata in immagini spettacolari (Che cosa è il fascismo, 1971-1993).

Lezioni online tutti i mercoledì, ore 18.30.

Partecipazione previa iscrizione

Per maggiori informazioni: #centropecci.it/pecci-school

#PECCITALK

Protext! in context. Il mondo attraverso le opere. Güneş Terkol.

con Francesca Mannocchi / Güneş Terkol

giovedì 19 novembre, ore 18.00

online sui canali Facebook e Youtube del Centro Pecci

La giornalista e documentarista Francesca Mannocchi, autrice del libro Io Khaled vendo uomini e sono innocente, racconterà la condizione delle vittime dei traffici di migranti confrontandosi con l'opera dell'artista Güneş Terkol, che intreccia nei suoi ricami le storie di donne sullo sfondo delle trasformazioni della Turchia contemporanea.

Francesca Mannocchi collabora da anni con numerose testate, italiane e internazionali, e televisioni. Ha realizzato reportage da Iraq, Libia, Libano, Siria, Tunisia, Egitto, Afghanistan.

Ha vinto il Premio Giustolisi con un'inchiesta sul traffico di migranti e sulle carceri libiche e il prestigioso Premiolino 2016. Ha diretto con il fotografo Alessio Romenzi il documentario Isis, Tomorrow presentato alla 75a Mostra internazionale del Cinema di Venezia. Per Einaudi ha pubblicato Io Khaled vendo uomini e sono innocente (2019).

Info: #centropecci.it/protextfrancescamannocchi

#PECCICINEMA

16–22 novembre

Parte #PecciCinema in streaming!

Grazie all'iniziativa #iorestoinsala il Cinema del #centropecci proporrà un ricco palinsesto cinematografico e spettacoli esclusivi in collegamento con attori e registi, fruibili comodamente da casa e in totale sicurezza.  

Roubaix, una luce - Roubaix, une lumière di Arnaud Desplechin

con Antoine Reinartz, Léa Seydoux, Roschdy Zem, Sara Forestier

(Francia, 2019; v.o. sott. it) 119' /Prime Visioni


In un futuro aprile - Il giovane Pasolini di Francesco Costabile, Federico Savonitto

(Italia, 2019) 80' /Documentari

 

Gli anni amari di Andrea Adriatico

con Nicola Di Benedetto, Sandra Ceccarelli, Antonio Catania

(Italia, 2019) 112' /Rilanci

Martedì 17: ore 20.30, collegamento con il regista Andrea Adriatico e Nicola Di Benedetto. Modera Andrea Romeo - I Wonder Distribution

 

Letizia Battaglia - Shooting the Mafia di Kim Longinotto

(Irlanda, 2019, documentario) 97' /Rilanci

Venerdì 20, ore 20.30, collegamento con Letizia Battaglia e la giornalista Elena Ciccarello.


Varda par Agnès di di Agnès Varda

(Francia, 2019; v.o. sott. it, documentario) 115' /Rassegna: Toujours Jeune - Omaggio ad Agnès Varda

 

Info e biglietti: #centropecci.it/cinema